Quando si parla di cannabis, la probabile associazione è con la sostanza psicoattiva, del tipo che vediamo nei film sugli stoner. Tuttavia, non esiste un solo prodotto o forma di cannabis. Quando si tratta della sola pianta, ci sono tre specie che possiamo osservare. Si tratta di cannabis sativa, cannabis indica e cannabis ruderalis. 

La canapa è una varietà della pianta di cannabis sativa. Contiene una quantità inferiore di THC. Il THC è la sostanza psicoattiva che fa sballare le persone quando fumano weed. Il THC è la sostanza chimica primaria della pianta che definisce la legalità dei prodotti derivati ​​dalle piante di cannabis. Il THC è per la maggior parte una sostanza illegale.

Tetraidrocannabinolo

Il tetraidrocannabinolo, più comunemente noto come THC, è una sostanza psicoattiva. Può alterare lo stato di coscienza dell'utente e cambiare la sua percezione della realtà che lo circonda. Lo spazio può essere leggermente distorto e il tempo spesso sembra lento. Questo rende la marijuana una droga che può influenzare il funzionamento del sistema nervoso centrale. Questo può causare sentimenti di euforia, ma anche il contrario, causando ansia e persino depressione. Il THC stimola i recettori che sono collegati alle capacità motorie e alle percezioni sensoriali, che a loro volta generano quelle sensazioni "alte". 

La cannabis non è una sostanza che crea dipendenza fisiologica. Tuttavia forme psicologiche di dipendenza e assuefazione sono possibili, nonostante quello che molti ti diranno. Non è una droga particolarmente pericolosa da qualsiasi punto di vista. Tuttavia, indipendentemente dalle nostre opinioni sull'argomento, è ancora largamente illegale in tutto il mondo. Sebbene, le percezioni della sostanza stiano generalmente diventando più tolleranti.

cannabidiolo

I prodotti a base di cannabidiolo o CBD, d'altra parte, sono legali e ampiamente disponibili in molti paesi. In generale, le leggi richiedono che nessun prodotto CBD non debba accedere a una quantità massima di THC. Questo è spesso lo 0.2%. Ciò significa che questi prodotti CBD non possono essere considerati farmaci in questo senso. La piccola quantità di THC che si può trovare in questi prodotti è contrastata dal CBD e non è sufficiente a produrre nessuno degli effetti inebrianti di cui abbiamo parlato.

Continuano a essere condotti molti studi sugli effetti sulla salute dell'uso di THC sulla salute a breve e lungo termine. Anche se un uso terapeutico è stato approvato dal controllo medico, è importante comprendere i potenziali rischi per la salute, in particolare per i minori.

Applicazioni della cannabis con THC

La cannabis light descrive un prodotto con livelli di THC molto bassi. Spesso è legale e viene venduto sia nei negozi fisici che online per i clienti di tutto il pianeta.

La cannabis light con il suo CBD più elevato e un contenuto di THC quasi inesistente, ha alcuni effetti positivi sul corpo. La canapa legale può essere utilizzata anche per creare prodotti cosmetici come creme antinfiammatorie e oli per la pelle.

Le proprietà antinfiammatorie della cannabis light sono gli usi medici più conosciuti. Studi medici hanno dimostrato che il CBD può produrre un interessante effetto antinfiammatorio e analgesico. Potrebbe non sorprendere che la cannabis possa essere usata per trattare il dolore in pazienti con malattie molto gravi.

Alcuni studi medici hanno dimostrato che la cannabis light può rallentare la progressione del morbo di Parkinson e di altre malattie neurodegenerative come la sclerosi multipla e l'artrite reumatoide. Un'altra proprietà della cannabis medica, che non contiene THC, è la sua capacità di prevenire la formazione di cellule cancerose. Ciò lo renderebbe una nuova promettente area di trattamento per la chemioterapia.

L'effetto rilassante potrebbe anche portare all'uso della cannabis light in aree come il disturbo da stress post-traumatico, l'ansia lieve, gli attacchi di panico, la depressione e l'insonnia. Inoltre, la stimolazione della fame chimica potrebbe essere utilizzata per controllare i disturbi alimentari e la perdita di appetito.

L'uso medico e ricreativo non sono la stessa cosa

C'è una differenza significativa tra l'uso ricreativo e l'uso della marijuana in un programma di trattamento medico controllato e continuo. Dovresti evitare di confondere i potenziali benefici medici con l'uso ricreativo occasionale.

È importante ricordare che non tutte le forme di cannabis sono ancora legali nella maggior parte dei paesi. Per essere certi della qualità, della legalità e del prodotto a base di cannabis acquistato, dovresti contattare solo rivenditori autorizzati.

Facebook Comments