Con un tempo di 10.72 secondi nello sprint dei 100 metri, Sha'Carri Richardson è la sesta donna più veloce della storia. È stata anche una delle principali contendenti per la medaglia d'oro di Tokyo. Tuttavia, il velocista americano non ha partecipato alle Olimpiadi di Tokyo, nonostante fosse un membro importante e noto della squadra olimpica statunitense.

Allora perché Richardson non ha gareggiato? È risultata positiva all'uso di cannabis durante le qualificazioni di atletica leggera negli Stati Uniti. Non stava cercando di ottenere un vantaggio sleale, che altre sostanze vietate potrebbero fornire. No. Stava solo usando la sostanza nel suo tempo libero per rilassarsi e divertirsi, nello stesso modo in cui qualcuno si concederebbe un drink. La sostanza è già legale per un terzo della popolazione statunitense.

La Richardson non è stata selezionata per rappresentare gli Stati Uniti a questi giochi a luglio dopo essere stata positiva all'uso di cannabis durante i test di qualificazione.

L'agenzia antidoping americana l'ha sospesa per un mese dalla pratica di qualsiasi sport come punizione. Tecnicamente, la sua sospensione di 30 giorni è scaduta durante i Giochi di Tokyo. Tuttavia, il comitato di atletica leggera degli Stati Uniti ha deciso di non includerla nella squadra.

L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) considera la cannabis, escluso il CBD, una droga antisportiva e ne vieta l'uso. Ma gli attivisti stanno facendo una campagna per cambiarlo. Naturalmente, la cannabis è ancora una sostanza ampiamente illegale. Ma solleva la questione se una sostanza illegale che non fornisce alcun beneficio prestazionale a un atleta debba essere vietata nello sport. Una gran parte ha a che fare con la percezione pubblica. Ma il mondo sta diventando sempre più tollerante nei confronti della cannabis. È ora che il mondo sportivo segua l'esempio?

Perché la cannabis è vietata nello sport?

Allora perché è vietato? La squalifica ha riacceso il dibattito di lunga data sul divieto di cannabis negli sport e, per estensione, le Olimpiadi. Poiché la cannabis è legale in molti stati degli Stati Uniti e le sue proprietà di miglioramento delle prestazioni sono contestate, molti si chiedono se debba ancora essere vietata.

Dal 2004, quando l'Agenzia Mondiale Antidoping ha creato la sua Lista delle Sostanze Proibite; La cannabis, ovviamente, era vietata. L'elenco include elementi che soddisfano due dei tre criteri: danneggiano la salute degli atleti, aumentano le prestazioni o sono contrari allo spirito dello sport. Il secondo punto è controverso in relazione alla cannabis.

In un articolo pubblicato su Sports Medicine, la WADA ha sostenuto la messa al bando della cannabis. Citando uno studio sulla capacità della marijuana di ridurre l'ansia, la WADA ha affermato che può aiutare gli atleti "a ottenere prestazioni migliori sotto pressione e ad alleviare lo stress avvertito prima e durante la competizione".

Naturalmente, è ancora in corso il dibattito se questo si qualifica come miglioramento delle prestazioni. Alcuni sottolineano che alcol e sigarette potrebbero essere vietati utilizzando la stessa logica.

Alain Steve Comtois è il direttore del dipartimento di scienze dello sport presso l'Università del Quebec a Montreal. Sostiene che questi risultati non sono sufficienti per giustificare la conclusione che la cannabis è una droga che migliora le prestazioni.

Ha dichiarato alla BBC che "devi avere una visione d'insieme". "Sì, i livelli di ansia diminuiscono, ma i dati fisiologici effettivi mostrano che le prestazioni sono diminuite". Comtois è stato anche uno degli autori di una revisione degli studi del Journal of Sports Medicine and Physical Fitness Review sull'uso di cannabis prima dell'esercizio e la sua capacità di migliorare le prestazioni atletiche.

Questo articolo ha scoperto che la marijuana interferisce con le reazioni fisiologiche necessarie per prestazioni elevate, aumentando la pressione sanguigna e diminuendo la forza e la stabilità. Il documento non ha esaminato gli effetti della marijuana sull'ansia. Ma Comtois sostiene che i suoi altri effetti negativi potrebbero più che negare qualsiasi beneficio. Molti credono che gli effetti fisiologici negativi superino in modo massiccio i nervi ridotti.

Possono coesistere droga e sportività?

Ma c'è di più nella regola della WADA oltre al semplice divieto di farmaci che aumentano le prestazioni.

La WADA è stata fondata nel 1999 in seguito a diversi scandali di doping alle Olimpiadi. Mirava a essere un leader nella lotta contro il doping nello sport in tutto il mondo. Nessun paese al mondo aveva ancora legalizzato la cannabis, quando la WADA ha stilato la sua lista di sostanze vietate nel 2004.

John Hoberman (uno storico culturale dell'Università del Texas di Austin che studia la storia dell'antidoping) ha affermato che non volevano "problemi di rispettabilità sociale".

La WADA ha citato il suo status di droga illecita in un documento del 2011, come uno dei motivi per cui la marijuana ha offeso la "sportività", punto 3, e non era compatibile con l'atleta modello. Credevano che un atleta dovesse essere un modello per i giovani di tutto il mondo, il che ovviamente escludeva la cannabis.

Richardson non è stato l'unico a ricevere rimproveri per aver violato questa regola. Prima ancora che la WADA entrasse nella lista dei farmaci vietati, il Comitato Olimpico Internazionale ha tentato di strappare la medaglia d'oro a Ross Rebagliati, uno snowboarder canadese, perché era risultato positivo. Il velocista americano John Capel è stato bandito per due anni dopo aver fallito un test nel 2006. Dopo che le foto di Michael Phelps che fumava marijuana online sono state pubblicate, è stato rimosso dalla sponsorizzazione di Kellogg per tre mesi.

È stata dimostrata una crescente accettazione per l'uso medico della cannabis, con molti paesi, incluso il Regno Unito, che lo consentono. È illegale negli Stati Uniti ma legale in circa un terzo degli stati, incluso l'Oregon, dove Richardson è risultato positivo.

La cannabis ha visto un cambiamento nell'atteggiamento della società nei suoi confronti nell'ultimo decennio in tutto il mondo. Sebbene molti paesi abbiano legalizzato l'uso medico o depenalizzato l'uso del farmaco, l'Uruguay è diventato il primo paese a legalizzare la vendita della sostanza nel 2013. Da allora anche altri paesi sono diventati molto più tolleranti nei confronti della sostanza. Georgia, Canada, Sudafrica e Messico hanno seguito le orme dell'Uruguay e hanno legalizzato la cannabis.

La WADA ha rimosso il cannabidiolo (CBD) dal suo elenco di sostanze vietate nel 2019. Tuttavia, il prodotto rimane illegale in come il Giappone, dove si sono appena svolte le Olimpiadi del 2021.

Questi cambiamenti hanno alimentato le critiche attuali sulla sospensione di Richardson. NBC News è stato detto dal corridore che ha usato il farmaco per far fronte alla morte di sua madre una settimana prima del undercard.

La WADA si trova di fronte a un dilemma tra un'ondata di simpatia nei confronti di Richardson. Hoberman ha detto: "Non puoi gestire un'organizzazione soggetta a regole e poi semplicemente dissolverla in un momento opportuno".

“Mi dispiace se ti ho deluso”. Ha detto che questa sarà l'ultima volta che gli Stati Uniti torneranno a casa senza oro nei 100 metri.

Vedremo un cambiamento?

La sospensione di Richardson ha persino spinto il presidente americano, Joe Biden, a mettere in discussione la legge attuale. Anche se non ha detto che dovrebbe essere ribaltato.

“Le regole sono regole. Biden ha affermato che tutti conoscono le regole e che sono comprese da tutti". Biden ha parlato con i giornalisti nel Michigan. "Se dovrebbero continuare così o continuare è un'altra domanda."

Persino l'Agenzia antidoping degli Stati Uniti (l'autorità statunitense che fa rispettare le regole della WADA) ha affermato che era tempo di "riesaminare la questione".

Anche se non è ancora chiaro quando o se la WADA prenderà in considerazione la possibilità di vietare la cannabis, nonostante la crescente pressione per farlo. Richardson e altri atleti in posizioni simili staranno alla larga dalla cannabis o staranno a guardare da bordo campo per ora.

Facebook Comments